SOMIT s.r.l. nel 2005 ha iniziato il suo percorso di internazionalizzazione. Infatti, risalgono a più di 10 anni fa i primi viaggi all’estero da parte della Direzione Aziendale per la valutazione di possibili nuovi mercati. In questi anni si sono consolidate esperienze e conoscenze di più territori che hanno permesso a SOMIT di migliorare le proprie competenze tecniche nell’ambito delle opere marittime. Gli sforzi sostenuti si sono concretizzati nel 2012, quando è stato varato il BHD BUCEPHALUS, avanzato mezzo marittimo costruito nell’ottica di risultare competitivi a livello internazionale e di possedere un mezzo marittimo polivalente e avanzato.

A giugno 2014 SOMIT ha iniziato a lavorare all’estero, con la realizzazione a Balanegra a sud della Spagna di una trincea sottomarina per la posa di una condotta di un impianto di desalinizzazione.

Nello stesso anno, SOMIT ha vinto due commesse per il dragaggio manutentivo dei principali porti del Regno del Marocco. I lavori, tutt’ora attivi, consistono nel dragaggio di materiale sciolto di riporto al fine di mantenere le quote di navigazione all’interno dei porti.

SOMIT a fine 2014 ha deciso di consolidare la sua presenza nel Regno del Marocco e nel West Africa aprendo la sua filiale in Marocco SOMIT AFRIQUE, con sede in BD Zerktouni, centro finanziario ed economico di Casablanca e del Marocco Stesso. Nella sede di Casablanca, ad oggi, lavorano più di 20 persone italiane e marocchine specializzate in infrastrutture marittime.

Il parco mezzi marittimi di SOMIT, assieme al suo personale qualificato, si sta dimostrando altamente produttivo in qualsiasi area geografica di intervento. Tecnologia all’avanguardia, attenta progettazione, formazione delle proprie risorse umane, sicurezza nell’ambiente di lavoro e rispetto dell’ambiente rappresentano  la chiave del successo di SOMIT s.r.l..